Ninna Nanna della Guerra

Scritta da Trilussa nel 1914

Ninna nanna, nanna ninna,
er pupetto v la zinna:
dormi, dormi, cocco bello,
senn chiamo Farfarello
Farfarello e Gujermone
che se mette a pecorone,
Gujermone e Ceccopeppe
che se regge co le zeppe,
co le zeppe d'un impero
mezzo giallo e mezzo nero.
Ninna nanna, pija sonno
ch se dormi nun vedrai
tante infamie e tanti guai
che succedeno ner monno
fra le spade e li fucili
de li popoli civili

Ninna nanna, tu nun senti
li sospiri e li lamenti
de la gente che se scanna
per un matto che commanna;
che se scanna e che s'ammazza
a vantaggio de la razza
o a vantaggio d'una fede
per un Dio che nun se vede,
ma che serve da riparo
ar Sovrano macellaro.
Ch quer covo d'assassini
che c'insanguina la terra
sa benone che la guerra
un gran giro de quatrini
che prepara le risorse
pe li ladri de le Borse.

Fa la ninna, cocco bello,
finch dura sto macello:
fa la ninna, ch domani
rivedremo li sovrani
che se scambieno la stima
boni amichi come prima.
So cuggini e fra parenti
nun se fanno comprimenti:
torneranno pi cordiali
li rapporti personali.
E riuniti fra de loro
senza l'ombra d'un rimorso,
ce faranno un ber discorso
su la Pace e sul Lavoro
pe quer popolo cojone
risparmiato dar cannone!




note

Farfarello: diavolo di antica tradizione popolare: l'unico, tra quelli che compaiono nella Divina Commedia, che non sia stato inventato da Dante
Gujermone: Guglielmo 2 (18591941), imperatore di Prussia e Germania.
Ceccopeppe: Francesco Giuseppe 1 d'Austria, in Italia chiamato Cecco Beppe.
sovrano macellaro: probabilmente da intendersi in senso generale, e non come allusione al re d'Italia (Vittorio Emanuele 2 di Savoia), i cui rapporti con la Chiesa all'epoca erano pessimi (era stato scomunicato insieme a tutti i membri del Parlamento italiano).
cuggini: Francesco Giuseppe e Vittorio Emanuele erano doppiamente cugini di secondo grado, avendo in comune quattro bisnonni